O L E R O N

O L E R O N

DAL 27 DICEMBRE E' DISPONIBILE SUL NOSTRO CANALE YOUTUBE E SUL NOSTRO NUOVO CANALE VIMEO, IL NOSTRO ULTIMO LAVORO, UN LUNGOMETRAGGIO INTITOLATO O L E R O N, TRATTO DA UN RACCONTO DI STEFANO BENNI.
GUARDATE, CONDIVIDETE, COMMENTATE E VISITATE IL NOSTRO CANALE.

Argomenti:

mercoledì 17 dicembre 2014

Usare il web inquina. ecco come risparmiare e essere ecologici


Buongiorno amici del blog,
abbiamo già messo in precedenza post su come non inquinare e allo stesso tempo risparmiare,
Questo vuole essere il post riassuntivo e più completo possibile riguardo a ciò.

Secondo una ricerca, nel 2020 Internet inquinerà più dei trasporti.
Per evitare  ciò ci sono diversi metodi facili da imparare e da mettere in pratica, senza dover spendere soldi.

Noi Oh!Rizzonti! mettiamo in pratica molti di questi consigli. Il più facile e pratico per chi ha un blog è METTERE LO SFONDO NERO, come facciamo noi.
Infatti i pixel del computer, con il colore nero, risultano "quasi spenti" e di conseguenza si risparmia energia elettrica. Inoltre riposa la vista.

Inoltre vi consigliamo anche di REGOLARE LA LUMINOSITA' DELLO SCHERMO DEL VOSTRO PC. Siete sicuri che non sia troppo "luminoso"? Provate ad abbassare la luminosità e vedrete la differenza.

E infine, ecco una lista di pratici consigli, trovati sul sito zeroimpactweb.it, sempre per ridurre i consumi in internet:

1- Se devi fare una ricerca, vai su Gaatle
Sapevi che, secondo una ricerca condotta da un fisico della Harvard University di Boston, ogni ricerca in internet genera 7 mg di CO2, dovuti agli elevati consumi di elettricità. Scegli un motore di ricerca più “eco”: con Gaatle, la versione “nera” di Google, si potrebbero risparmiare oltre 750 megawattora all’anno.
2-Controlla la lista
Anche in questo caso il consiglio riguarda i nostri pc, lo strumento con cui navighiamo: per essere sicuri di utilizzare apparecchi che rispettano l’ambiente, che consumano poco e ci fanno risparmiare energia e denaro in bolletta, scegliamo quelli della “Guide to greener electronics” di Greenpeace.
3- Usa l’eco adattatore
Se possiedi un computer portatile, valuta l’acquisto di un alimentatore a risparmio energetico: ce ne sono di vari tipi e varie marche.
4- Compra un wattmetro
Divertiti a calcolare quanto consuma il tuo computer (e tutti i tuoi elettrodomestici), specie in modalità stand by. Basta un wattmetro, un piccolo apparecchio a forma di adattatore per la corrente. I vecchi pc consumavano, in stand by, fino a 20 Wh, come una lampadina. Circa 1 g di CO2 l’ora. Il tuo?
5- Le pile per il mouse
Moltissime persone utilizzano i mouse ottici wi-fi, che hanno bisogno di pile per funzionare. Preferisci quelle ricaricabili. Durano da 500 a 1000 cicli e non inquinano come le usa e getta che, per esser prodotte, consumano 200 volte l’energia che contengono.
6- Facciamo la spesa online
Indirettamente, puoi utilizzare il web per risparmiare CO2 in altri campi. Adesso quasi tutti i supermercati e anche molti negozi dispongono di un sito internet che consente di fare la spesa online: scegliete i prodotti che volete (meglio se biologici ed ecologici), evitate le code e lo stress del traffico, i trasportatori in un solo viaggio effettuano le consegne per più famiglie, riducendo tempi e consumi.
7- Stampa leggero
A volte capita di trovare, mentre navighiamo sul web, documenti che ci interessa stampare. Facciamolo, ma con l’eco font: lo scarichi su www.ecofont.eu e ti fa risparmiare il 20 per cento dell’inchiostro. E se scegli di farlo con una stampante a getto d’inchiostro e non con un stampante laser risparmi il 90 per cento di energia elettrica.

Nessun commento: